giornale telematico

  del Comune di Isernia

   direttore  responsabile  Mauro  Gioielli               

                       

                       home page  

 

 

comunicato stampa   /  sabato 1° febbraio 2014  /  ore 13:25

Riqualificazione dell'area della stazione ferroviaria

 

S’è tenuta questa mattina, nella sala riunioni del municipio di Isernia, un incontro fra le amministrazioni comunali interessate ai PISU “Cultura e ambiente / Un ponte verso lo sviluppo sostenibile”. Presenti i sindaci di Isernia, Pesche, Carpinone, Macchia d’Isernia, Miranda e Pettoranello del Molise, oltre al gruppo di assistenza ai PISU e ai dirigenti dell’ufficio tecnico del Comune di Isernia. Per quest’ultimo ente, erano presenti anche il vicesindaco Maria Teresa D’Achille e l’assessore ai lavori pubblici Luciano Sposato. All’ordine del giorno, la rimodulazione del progetto destinato all’intervento di riqualificazione dell’area della stazione ferroviaria di Isernia. 

«L’amministrazione comunale – ha dichiarato il sindaco Luigi Brasiello – ha intenzione di promuovere un nuovo disegno della città attraverso il recupero ambientale di una zona centrale e strategica, dando una risposta concreta ai problemi legati alla cronica carenza di spazi di aggregazione sociale e verde pubblico».

«L’area in questione – ha aggiunto Brasiello –, in parte già utilizzata come terminal per gli autobus di linea, possiede le caratteristiche di connessione e vicinanza all’attività cittadina che la rendono zona a grande vocazione sociale, ricadendo all’interno d’un perimetro centrale e fortemente urbanizzato».

L’idea progettuale ruota intorno alla creazione di un vasto parco urbano a tema, legato alla storia della ferrovia, che si sviluppa da un lato nell’area circostante l’ex rimessa locomotive e dall’altro nella zona occupata dal terminal. La realizzazione di un ponte di collegamento tra i due ambiti consentirà di ricucire parti di città ora separate dai binari della ferrovia. Gli edifici esistenti, in particolare quello dell’ex magazzino merci, verranno recuperati e destinati ad ospitare funzioni ricreative, sociali e culturali. Il verde, sapientemente attraversato da percorsi pedonali e ciclabili, dotato di aree per il gioco e spazi di aggregazione sociale, sarà il vero protagonista dell’intervento e produrrà importanti effetti benefici, sia in termini di qualità della vita che di riduzione dell’inquinamento.