home page 

  

 

 

giornale telematico del Comune di Isernia

direttore  responsabile  Mauro  Gioielli

 

 

 

mercoledì  09 novembre 2016  /  ore  19:10

© Comune di Isernia

 

SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI

 

Allo scopo di dare piena trasparenza alle iniziative finora avviate o realizzate per la sicurezza degli edifici scolastici di competenza del Comune di Isernia, il sindaco Giacomo d’Apollonio, col supporto dell'assessore Sonia De Toma e dell’Area Tecnica dell’ente, ha reso noto quanto posto in essere dalla sua amministrazione, dal giorno dell'insediamento.

«Si tratta d’una esposizione estremamente riassuntiva ma contenente fatti concreti, frutto di impegno costante – ha dichiarato d’Apollonio –, che denota l’attenzione quotidiana che il Comune pone alla ricerca di soluzioni idonee a risolvere gli annosi e complessi problemi riguardanti l’edilizia scolastica e la loro sicurezza. Molto è stato fatto in pochissimo tempo dall'Area Tecnica dell’ente, ma anche dal punto di vista della politica amministrativa e della programmazione, attraverso ripetuti e democratici confronti con i rappresentanti dei comitati, con le famiglie degli alunni, con i dirigenti e gli altri operatori scolastici; senza dimenticare i rapporti intrattenuti con la Regione Molise, l'Unimol e, a livello epistolare, con il Governo nazionale. Quella della sicurezza dei plessi scolastici – ha ribadito il sindaco – è una priorità per me e la mia amministrazione; un impegno preciso che abbiamo assunto e al quale intendiamo tener fede con grande senso di responsabilità. In così poco tempo, ritengo che si sia prodotto molto, ma tanto ancora dovrà essere fatto».

 

Ecco, in sintesi, quanto già avviato o realizzato dal Comune in materia di sicurezza degli edifici scolastici:
1. Completamento dell'indagine di mercato e successive trattative con le ditte che, a seguito di avviso pubblico, avevano manifestato interesse per la locazione di un immobile da destinare a sede della scuola materna San Giovanni Bosco.
2. Avvio ed esecuzione dei lavori per il miglioramento della sicurezza della scuola San Giovanni Bosco di corso Garibaldi (euro 124.000).
3. Avvio delle opere di miglioramento antisismico della Scuola media Giovanni XXIII (euro 83.300).
4. Inizio ed esecuzione interventi di manutenzione per adeguamento e ristrutturazione della scuola media Andrea d’Isernia (euro 103.000).
5. Opere di manutenzione per adeguamento e ristrutturazione della scuola media Giovanni XXIII (euro 80.000).
6. Riattivazione lavori del Polo scolastico San Leucio, progetto “Scuola Sicura”, fermi o rallentati da mesi.
7. Sopralluoghi da parte di un gruppo di lavoro di tecnici presso gli edifici scolastici comunali a seguito degli eventi sismici del 24 agosto verificatesi in Regioni dell'Italia centrale. Successiva relazione tecnica sull'agibilità degli edifici; contestuali contatti con professori dell’Unimol della facoltà di Ingegneria per concordare un programma di verifica tecnica ancor più approfondita.
8. Emissione di ordinanza di differimento di una settimana dell’inizio delle attività didattiche delle scuole medie Andrea d’Isernia, Giovanni XXIII e della scuola dell'Infanzia e primaria San Pietro Celestino per consentire i sopralluoghi di cui sopra.
9. Provvedimento di chiusura, a seguito dei controlli tecnici, del plesso della San Pietro Celestino.
10. Individuazione e locazione di un idoneo immobile di proprietà privata al fine di risolvere l'emergenza verificatasi e sistemarvi temporaneamente le sedi delle scuole dell'infanzia San Giovanni Bosco e San Pietro Celestino.
11. Trasferimento temporaneo nelle strutture sicure presso gli edifici scolastici di San Lazzaro e presso i locali della parrocchia San Giuseppe Lavoratore delle classi della scuola primaria San Pietro Celestino.
12. Assegnazione di locali ubicati in San Lazzaro (ex ASREM) all'Istituto comprensivo Andrea d'Isernia per esigenze didattiche e organizzative.
13. Richiesta formale all’Unimol di consulenza e coordinamento delle verifiche tecniche da avviare ai fini della sicurezza degli edifici scolastici.
14. Istanza di finanziamento (di euro 122.000) alla Regione Molise per eseguire interventi urgenti, finalizzati al miglioramento della sicurezza delle scuole medie Andrea d’Isernia e Giovanni XXIII.
15. Istanza alla Regione Molise per il finanziamento (di oltre 1.200.000 euro) da destinare all'abbattimento e successiva ricostruzione del plesso scolastico San Pietro Celestino, e richiesta di conferma del finanziamento (di oltre 6.000.000 di euro) per opere di adeguamento statico da effettuare sull’edificio della San Giovanni Bosco in corso Garibaldi.
16. Sopralluogo dei tecnici comunali sulle strutture delle scuole medie cittadine, dopo il sisma del 30 ottobre, registrato nelle Regioni dell'Italia centrale, con l'individuazione precisa di taluni lavori da eseguire con la procedura della somma urgenza.
17. Riunione del tavolo tecnico per verificare lo stato cantieristico e per porre in essere ulteriori procedure per accelerare l’ultimazione delle opere del progetto Scuola Sicura di via Umbria.
18. Richiesta alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e alla Regione Molise d’un finanziamento (euro 2.500.000) per la realizzazione, in località Tremolicci, di una nuova struttura scolastica prefabbricata, capace di ospitare oltre quattrocento alunni.
19. Avvio progettazione per convertire in plesso scolastico la struttura comunale (ex V Settore) che si trova in località Acqua Solfurea.
20. Pianificazione degli atti utili per far rientrare il Comune di Isernia nel progetto intercomunale che prevede la costruzione d’un edificio scolastico in località Pietradonata.
21. Avvio delle procedure (giunte in fase esecutiva) per l'affidamento dei lavori di somma urgenza pianificati per la scuola Andrea d'Isernia e, successivamente, per la Giovanni XXIII, da concludersi in tempi rapidi.

 

il direttore, Mauro Gioielli