home page 

  

 

 

giornale telematico del Comune di Isernia

direttore  responsabile  Mauro  Gioielli

 

 

 

lunedì  18 settembre 2017  /  ore  12:50

© Comune di Isernia

 

CORRISERNIA, XII EDIZIONE

 

«Bellissima manifestazione, ottima organizzazione e grande partecipazione della città. Sono contento anche per il richiamo che questo evento sportivo ha avuto fuori dai confini regionali». Sono state queste le parole del sindaco Giacomo d'Apollonio al termine delle gare della XII edizione della CorrIsernia.

L’evento, organizzato dalla NAI, in collaborazione con l’assessorato allo Sport della Regione Molise, è partito con la corsa a sei zampe grazie al lavoro della locale sezione dell’ENPA, e con la passeggiata degli assistiti della DEA Molise, l’associazione che si occupa di demenza e Alzheimer, perché come sempre la CorrIsernia è sport, ma anche sociale.
Per la speciale classifica AVIS, altra associazione che ormai da anni collabora con la società pentra, è stato Franco Pellegrino dell'Atletica Venafro il primo a tagliare il traguardo.
Grande attesa, che non è andata delusa, era riservata alla novità di questa edizione: la CorrIsernia Relay – la staffetta non competitiva che ha visto la squadra denominata MiraMacchia e composta da Marco Di Lollo, Alessandro Pisano e Gabriele Tortola giungere per prima al traguardo, mentre il premio per la staffetta più divertente è andato a Costantino Di Nucci, Mario Fuschino e Rocco Lafigliola con la staffetta Prova a Prendermi in maglia bianconera e la Champions League sulle spalle.
Il clou della manifestazione, però, si è raggiunto con il Corrilascuola, oltre 600 studenti al via che hanno animato e colorato con la loro maglietta rossa da uomo ragno corso Garibaldi, mai così gremito. Il vero trionfo per la NAI che proprio a questo risultato di grande partecipazione ambiva. La soddisfazione del presidente Agostino Caputo era palpabile sin dalla mattina, quando sono state raccolte ulteriori iscrizioni oltre quelle già numerose fatte direttamente presso i plessi scolastici e sabato pomeriggio presso il Conad In Piazza di Isernia. «Il nostro obiettivo era proprio questo – ha affermato un raggiante Caputo – far correre la città e rendere la CorrIsernia la festa dello sport per tutti e credo, senza falsa modestia, che ci siamo riusciti».
Per la cronaca, ma anche per le casse degli istituti scolastici, a cui va un premio in denaro, la scuola più numerosa al traguardo è stato l'Istituto Comprensivo San Giovanni Bosco con 266 arrivati, seguita dall’Istituto Comprensivo Giovanni XXIII e dall'Istituto Comprensivo Fermi-Mattei.
Hamid Kadiri, per gli uomini, e Iolanda Ferritti, per le donne, sono stati i trionfatori della gara sui 10 km. Alle spalle di Kadiri (che ha chiuso in 33' 59''), Marco Visci e Maurizio Di Sandro. Per le donne, l'atleta di casa Ferritti ha fatto fermare il cronometro a 41'14", precedendo Anna Bornaschella e Lorena Di Benedetto.
Un crescendo di entusiasmo e partecipazione che ha trovato nella gara all’americana la sua massima espressione. La competizione ad esclusione, ai cui nastri di partenza vedeva ben 22 atleti, di cui diversi dal curriculum importante, oltre tanti giovani talenti molisani ed abruzzesi, è stata lanciata da una scenografica coreografia che ha visto protagonisti non solo gli atleti impegnati nella gara, ma anche i piccoli atleti del settore giovanile della NAI. Nella volata finale, tra gli applausi di un pubblico talmente attento che, in alcuni momenti, la tensione della gara si percepiva anche a bordo strada, ha avuto la meglio Ala Zoglami del CUS Palermo che si è imposto su Fabiano Carrozza dell'Aeronautica Militare e Riccardo Tamassia dell'Atletica Fratellanza Modena. Una gara avvincente che si e' scaldata sul finale quando e' stato escluso il molisano Leo Paglione per una volata davvero al photofinish. La degna chiusura per un evento che ha davvero fatto correre tutti e una bella soddisfazione per il presidente Agostino Caputo e per i suoi collaboratori che mentre smontavano le scenografia, riportando, in men che non si dica, piazza stazione alla normalità, già pensavano alle correzioni e alle novità da apportare alla prossima edizione.

 

il capo ufficio stampa, Mauro Gioielli