home page 

  

 

 

giornale telematico del Comune di Isernia

direttore  responsabile  Mauro  Gioielli

 

 

 

martedì  16 gennaio 2018  /  ore  18:40

© Comune di Isernia

 

Edilizia scolastica
POLO INNOVATIVO SCUOLA DELL'INFANZIA

 

Conferenza stampa, questa mattina, nella sede del Comune di Isernia, durante la quale il sindaco Giacomo d'Apollonio, l’assessore ai lavori pubblici Cesare Pietrangelo e l'assessore all'edilizia scolastica Sonia De Toma hanno illustrato i dettagli del “Progetto Scuole Innovative”, cogliendo l’occasione per parlare anche, in via più generale, dell’attuale situazione dei plessi scolastici comunali.

«Per quanto riguarda le scuole, il nostro primo obiettivo è sempre la sicurezza», ha esordito il sindaco d’Apollonio. Quindi ha aggiunto: «Il Comune tempo fa avanzò una manifestazione di interesse per aderire al bando del MIUR destinato ai ‘Poli dell’Infanzia Innovativi’. Ne è seguito un progetto che abbiamo chiamato ‘La scuola che vorrei’, per un importo di circa 1350mila euro, di cui 268mila a carico del nostro ente. Si tratta d’una sede per la scuola dell’infanzia destinata ad occupare l’area dell’attuale Terminal di Tremolicci, per circa 1000mq, capace di accogliere almeno 160 bambini».

«Per quanto previsto nel bando del MIUR - ha affermato l’assessore De Toma - i poli scolastici devono essere innovativi dal punto di vista architettonico, impiantistico, tecnologico e dell’efficienza energetica, ma, per quanto ci riguarda, il nostro Polo Innovativo lo sarà innanzitutto per la sicurezza strutturale e antisismica. E ovviamente stiamo operando non solo per la scuola dell'infanzia ma, in via più generale, per cercare di dare risposte concrete a tutte le problemetiche riguardanti l’intero patrimonio edilizio scolastico comunale».

«La nostra idea – ha detto il vicesindaco Pietrangelo - è di realizzare due poli: uno a San Leucio, l’altro a San Lazzaro, dove saranno sistemate quasi tutti gli istituti, ad eccezione della scuola San Pietro Celestino, che verrà ricostruita nella sua vecchia sede di piazza Landenolfi, a beneficio del centro storico. In questi mesi non abbiamo tralasciando alcuna occasione per ottenere fondi utili ad attuare le nostra linee programmatiche. Il Polo Innovativo per l’Infanzia è solo un esempio, ma già altri bandi sono al nostro vaglio e ci consentiranno di ottenere ulteriori e significativi finanziamenti».

 

il capo ufficio stampa, Mauro Gioielli